Conclusione finale

L’industria del viaggio sta cambiando rapidamente, influenzata dal progresso tecnologico, dai mutamenti economici e dai poteri politici, oltre che dalla cultura e dal clima.

Molti dei progressi della tecnologia avanzata sono dovuti a persone esterne all’industria del viaggio, che hanno trovato metodi migliori per fare le cose. Le aziende offrono nuovi prodotti che hanno cambiato il modo di pianificare, prenotare e iniziare un nuovo viaggio.

Individuare i vincitori tra le tecnologie emergenti non è mai semplice. Lo sviluppo non è mai lineare e prevedibile, e per ogni storia di successo globale come l’iPhone, c’è un fallimento come il video Betamax.

Stazione spaziale

Ma questo non significa che non ci saranno vincitori o che dovremmo essere compiaciuti per aver messo in discussione una versione particolare della tecnologia.

Concetti come Airbnb non sono del tutto nuovi. Sono anni che le persone sub-affittano stanze o case sui social media e sulle bacheche, in ogni parte del mondo. Ma è stata la combinazione di un’idea tradotta in pratica e di un cambiamento tecnologico che ne ha fatto un sicuro successo.

Più importante ancora, tutto ciò è avvenuto in un momento in cui le persone già conoscevano il concetto di crowdsourcing, lasciavano recensioni sui marchi amati e sapevano utilizzare siti di confronto prezzi per scovare l’offerta migliore.

Cosa sarà normale per i consumatori del futuro?

Zone all’interno di un aeroplano che si adattano all’umore, alle preferenze e alle necessità dei viaggiatori, piuttosto che al loro portafoglio e al loro status sociale? Soggiorni in hotel in cui i panorami delle stanze con vista sono stati sostituiti da pesci e coralli e persino la carta da parati è personalizzata? O un Compagno di Viaggio Digitale incorporato nel tuo orologio, cellulare o un dispositivo stile Google-Glass.

Tutto ciò è possibile e, in gran parte, probabile.

Città vicino al mare

Basta ricordarci che Facebook è stato lanciato solo nel 2004 per capire quanto velocemente la tecnologia cambia le nostre abitudini, il modo in cui vediamo o ci rapportiamo con il mondo e quanto essa può cambiare in un periodo di dieci anni.

Se negli ultimi venti anni al centro c’erano i social media, nei prossimi venti si parlerà solo di Big Friendly Data (BFD): le compagnie avranno accesso ai nostri profili online e utilizzeranno i nostri dati per anticipare bisogni, piani di viaggio o desideri per il nostro soggiorno.

In futuro, questo sarà l’approccio che seguirà la maggior parte dei nostri social media: invece di fornire informazioni a noi, sarà il nostro ‘Big Data’ a decidere tutto, dalla stanza dell’hotel che ci piacerebbe alle bevande che vorremmo trovare nel mini bar.

Le ricerche fatte per questo rapporto hanno messo in evidenza come la tecnologia e le tendenze del 2024, e oltre, trasformeranno l’esperienza del viaggio in semplice e in intuitiva, rendendo il mondo più accessibile a TOM.

Hotel sottacqua

In ogni caso, in poche parole, è importante comprendere che le tendenze a cui ci stiamo avvicinando e che stiamo imparando a gestire – la vacanza basata sul crowdsourcing, il soggiorno scelto dalle recensioni delle persone e i siti di confronto prezzi – continueranno a crescere senza sosta, fino a diventare il modello normale di riferimento a cui l’industria dovrà adattarsi.

Per quanto riguarda il viaggio in sé, abbiamo notato come i consumatori di oggi sono alla ricerca di ciò che è estremo, rischioso e – se guardiamo all’interesse per i viaggi spaziali e all’attrazione verso il mondo subacqueo – audace e fantasioso assieme.

L’hotel del futuro include dei veri spazi magici, personalizzati, pieni di tecnologia, in cui l’ospite si circonderà, di dati, immagini e contenuti disponibili sul suo cellulare o sul suo portatile. Saranno stanze in grado di migliorare la nostra salute o di rilassarci e far svanire lo stress.

L’obiettivo di questo rapporto è proiettarci in avanti di una decina d’anni, verso i nuovi cambiamenti che ci stanno aspettando: non cambierà solo il modo in cui viaggeremo, e dove viaggeremo, ma anche come affronteremo queste cose.

Scroll Down

Il Viaggio nel 2024

Per comprendere come viaggeremo negli anni Venti del Duemila dobbiamo considerare i fenomeni sociali, economici e tecnologici che ridefiniranno completamente l’industria globale del viaggio nei prossimi 10 anni.

Forse l’aspetto emergente più importante è la crescita di una Maturità Digitale. Nel 2014 il cyber-spazio e le tecnologie associate non vengono più percepite come novità sorprendenti. Stanno entrando a far parte della nostra quotidianità.

In Cina, secondo il China Internet Network Information Center, 464 milioni di persone – il 34,5% della popolazione totale – hanno accesso a Internet attraverso smartphone o dispositivi wireless mobili. L’Asia vedrà la più grande crescita del ceto medio – la Brookings Institution prevede il suo triplicarsi fino a 1,7 miliardi entro il 2020 – la cui capacità di spesa produrrà un nuovo atteggiamento nei confronti della tecnologia digitale.

Entro il 2024, la connessione a Internet – e i dispositivi mobili che la consentiranno – farà notizia come oggi la luce elettrica e il riscaldamento centralizzato. La tecnologia si fonderà completamente con la vita quotidiana dei viaggiatori, sia nelle economie sviluppate sia in quelle in via di sviluppo. Secondo Cisco Systems, ci saranno 50 miliardi di dispositivi connessi a Internet entro il 2020.

Contemporaneamente, ci sarà l’esplosione dei viaggi nei Mercati Emergenti di Asia, Sud America e Africa – in particolare dalle regioni che avranno una maggiore espansione economica – poiché la capacità di spesa dei loro consumatori aumenterà enormemente.

Secondo il Boston Consulting Group entro il 2030, l’Asia, l’economia regionale caratterizzata dalla maggior e più veloce crescita al mondo, duplicherà il suo PIL a 67 trilioni di dollari americani, superando le proiezioni del PIL di Europa e America assieme.

Milioni di viaggiatori provenienti dai Mercati Emergenti stanno inaugurando un’era di Mobilità Globale e un’industria di viaggi globale; di conseguenza la domanda per le opportunità e le esperienze di viaggio si espanderà rapidamente nel prossimo decennio.

La World Travel & Tourism Council aveva previsto il 3,2% di crescita dei viaggi globali nel 2013, distanziando facilmente il 2,4% della crescita globale del PIL. Il gap era persino più pronunciato nelle economie emergenti del 2012, quando Cina e Sud Africa segnarono il 7% di crescita nei viaggi globali e l’Indonesia registrò il 6%.

L’esuberanza finanziaria dei Mercati Emergenti sarà un antidoto globale necessario per le continue turbolenze economiche che modificheranno l’attitudine dei viaggiatori dei Mercati Indeboliti – le economie di Europa e USA, la cui crescita negli ultimi cinque anni è stata rallentata dal debito e dall’austerity post-crisi.

Come afferma il report della IPK International sulle Tendenze Globali di Viaggio del 2012/2013: "Un numero sempre crescente di questi Stati non è in grado di pagare i propri debiti; la crisi del debito non è ancora giunta alla fine e il conseguente impatto negativo sulle abitudini dei viaggiatori – la cosiddetta ‘mobilità verso il basso’ – in Europa Occidentale, in USA e in Giappone non può essere escluso".

L’ultimo fattore che ci aiuterà a definire l’industria del viaggio globale degli anni Venti del Duemila è un fattore sociale. Infatti una Bomba Demografica a Orologeria è sul punto di esplodere, vista la crescente età media della popolazione mondiale che non ha precedenti nella storia.

Il secolo scorso è stato testimone del più rapido calo del tasso di mortalità nella storia dell’uomo, con un’aspettativa di vita in continua crescita, da 47 anni nel 1950-1955 a 69 anni nel 2005-2010, secondo l’ONU.

Nel 1950 i bambini sotto i 15 anni erano il doppio degli adulti con più di 60 anni. Per il 2050 il rapporto tra il gruppo che avrà più di 60 anni e quello dei bambini sarà di 2 a 1.

Nel 2024, quindi, il nostro viaggiatore si muoverà in un mondo in cui la domanda di esperienze nuove da parte dei Mercati Emergenti verrà bilanciata dalla prudenza finanziaria dei Mercati Indeboliti Europei e Statunitensi, ancora in via di ripresa.

Per il turista sarà scontato che ogni aspetto del viaggio – dalla ricerca alla prenotazione, dalla partenza al volo – sarà effettuato con l’ultima tecnologia digitale in una modalità spontanea e perfettamente integrata.




Notizie correlate

Metodologia di ricerca

Questo rapporto di Skyscanner è il risultato di un lavoro di gruppo che ha coinvolto 56 esperti – tra editori, ricercatori e networker del futuro delle principali città del mondo – e ha lo scopo di dare un’immagine dettagliata delle tecnologie che si svilupperanno e delle nuove emozionanti destinazioni che caratterizzeranno l’industria mondiale del turismo nei prossimi dieci anni.

Gli esperti

Abbiamo esplorato le tecnologie e le tendenze di viaggio nel futuro, attingendo alla conoscenza operativa di numerosi esperti di fama mondiale, tra i quali il Futurist Daniel Burrus, autore di Technotrends: How to Use Technology to Go Beyond Your Competition, e il Travel Futurologist e Professore, Ian Yeoman.

Abbiamo anche ripreso gli insegnamenti forniti dallo stratega digitale Daljit Singh; da Dave Coplin, Chief Envisionig Officer di Microsoft UK; da Steve Vranakis, Executive Creative Director del Google Creative Lab; da Kevin Warnick, Professore di Cibernetica alla Reading University; e da Martin Raymond, co-fondatore di The Future Laboratory e autore di CreATE, The Tomorrow People e The Trend Forecaster’s Handbook.

È stato richiesto il parere e la competenza dei seguenti esperti di Skyscanner, che, dove possibile, sono stati citati direttamente all’interno del rapporto: Margaret Rice-Jones, Chairman; Gareth Williams, CEO e co-fondatore; Alistair Hann, Chief Technology Officer (CTO); Filip Filipov, Head of B2B; Nik Gupta, Director of Hotels; e Dug Campell, Product Marketing Manager.

In collaborazione con le figure sopracitate, abbiamo utilizzato il network online di The Future Laboratory, LS:N Global, per approfondire la nostra ricerca e per accedere ai dati delle serie annuali di Futures Report di The Future Laboratory, su viaggi, tecnologie, cibo e accoglienza.




Notizie correlate

Immagini

Il Futuro del Viaggio nel 2024 - Parte 1 PDF (2.5Mb)


Il Futuro del Viaggio nel 2024 - Parte 2 PDF (2.5Mb)







Il Futuro del Viaggio nel 2024 - Parte 3 PDF (2.5Mb)







Notizie correlate

Come contattarci

Per ulteriori informazioni su questo rapporto, per favore contatta:

Samantha Ayles

sam.ayles@skyscanner.it

+39 800 176 870

Per maggiori informazioni su Skyscanner visita : www.skyscanner.it

Seguici su:




Notizie correlate